Riscaldamento grazie alla luce solare

Un impianto solare termico combinato è una tipologia di impianto costituito da pannelli fotovoltaici che, solitamente, vengono installati su tetti o terrazze e sono in grado di accumulare la luce solare e trasformarla in energia che viene poi utilizzata per la produzione di acqua calda per uso sanitario.

Viene denominato impianto termico combinato grazie alla sua caratteristica di integrazione con il sistema di riscaldamento preesistente e permette,quindi, di risparmiare notevolmente in termini di elettricità.

 

A cosa serve un impianto termico combinato

 

 

Il solare termico combinato viene integrato ai tradizionali sistemi di riscaldamento delle abitazioni dove non sono richieste temperature elevate.

Un altro utilizzo previsto per questa tipologia di impianto è il riscaldamento dell’acqua delle piscine.

 

 

Come funziona un impianto termico combinato 

 

 

Gli impianti solari termici combinati è caratterizzato da un pannello fotovoltaico (connettore) in cui circola, mediante l’ausilio di una pompa, un particolare liquido termovettore ( acqua e glicole propilenico ) che viene riscaldato dall’energia solare e passa in un circuito in grado di scambiare l’energia solare in calore che viene poi ceduto all’acqua in un altro circuito. L’acqua calda ottenuta viene conservata in un serbatoio e viene utilizzata al bisogno.

Esistono due sostanziali sistemi:

– Sistemi aperti.

Sono quegli impianti destinati alla produzione di acqua calda.

In questa tipologia di sistema il fluido che circola nell’impianto è l’acqua che, una volta raggiunta la temperatura necessaria, si andrà poi ad utilizzare nei modi più opportuni.

– Sistemi chiusi.

Questi sistemi vengono utilizzati sia per la produzione di acqua calda che per il riscaldamento degli ambienti ed ha due circuiti uno per la produzione di acqua calda e uno per la funzione di riscaldamento.

I principali componenti di un impianto solare termico combinato sono:

– I pannelli solari.

Indispensabili per ottenere la potenza termica.

– Una pompa.

Per la circolazione forzata del liquido termovettore.

– Una valvola di non ritorno.

Serve per non permettere un’inversione di circolazione del liquido.

– Una centralina.

Per gestire la funzione della pompa.

– Uno scambiatore di calore.

Necessario per lo scambio termico del liquido termovettore.

– Un serbatoio.

Per accumulare l’acqua calda.

Impianti Solari Termici combinati: cosa sono?