Fisioterapia domiciliareCos’è la distorsione

La distorsione, ad esempio alla caviglia, è un trauma molto frequente specialmente per chi fa sport, come calcio, basket o pallavolo, ma può succedere anche camminando semplicemente prendendo la classica “storta”. La struttura del piede è quella sui cui grava l’intero peso del corpo ed ecco perché la distorsione è qualcosa che accade più spesso di quanto si possa immaginare.

Come curare una distorsione

Di solito il dolore per un distorsione non si fa sentire subito ma il giorno dopo, quando non si riesce più a poggiare il piede a terra e la zona interessata diventa violacea per la rottura dei capillari.
Bisogna però intervenire molto presto per ripristinare la giusta posizione dei legamenti, delle strutture ossee e della muscolatura traumatizzata.
E’ errata la convinzione secondo cui basta soltanto l’immobilizzazione perché si possa guarire perfettamente.
Tutti i fisioterapisti infatti sanno che con i dovuti interventi il paziente dovrebbe rimettersi in piedi dopo circa 10-15 giorni, anche nei casi in cui si tratti di sportivi che devono affrontare allenamenti e prove in campo.
Il ghiaccio va applicato subito dopo l’evento traumatico in quanto, come detto, con la distorsione si lacerano i capillari e quindi si evita un ematoma e si diminuisce in parte il gonfiore.
Non va usato però nelle ore successive in quanto rende ancora più rigida l’articolazione e non arreca nessun beneficio.
Bisogna partire dal presupposto che le distorsioni non sono tutte uguali e possono interessare strutture diverse, per questo è necessario sottoporsi a cure personalizzate in base al caso individuale, rivolgendosi esclusivamente a fisioterapisti professionali. Sul sito osteosalus.it ad esempio ne trovate uno che esegue interventi a domicilio.

La fase iniziale della cura

Nella prima fase quindi è necessaria la crioterapia (con il ghiaccio), riposo assoluto senza sollecitazioni della parte interessata neppure leggere, la compressione con una fasciatura rigida e il fatto che l’arto deve essere posizionato verso l’alto.
Tale posizione consente ai tessuti di riassorbire i liquidi che formano l’edema e ridurre il processo infiammatorio a seguito del trauma.
Tutte queste operazioni vanno compiute da un esperto del settore ortopedico, quindi come dicevamo, è consigliabile richiedere le prestazioni professionali di un fisioterapista, meglio se a domicilio per non movimentare l’arto.
La fisioterapia domiciliare è la migliore delle soluzioni in questi casi, in quanto un evento come la distorsione nella stragrande maggioranza dei casi non richiede ospedalizzazione e va da se che non bisogna muoversi. Per quanto riguarda la crioterapia, questa va portata avanti al massimo nei primi 3 giorni dopo la distorsione.
Gli impacchi vanno tenuti sulla parte interessata per circa 15-20minuti, aiutandosi con una borsa dell’acqua o con un contenitore usa e getta per i cubetti di ghiaccio. Non va superato questo periodo di applicazione perché il gelo potrebbe ustionare i tessuti esattamente come il calore.

Come riabilitare i movimenti

L’obiettivo della fisioterapia è quello di far riacquistare l’equilibrio eliminando il dolore e recuperando i movimenti consueti dell’articolazione. Se la distorsione non è stata troppo pesante, gli esercizi per la riabilitazione vanno avanti per circa 2 giorni, che sono sufficienti per ridurre anche il gonfiore.
Se invece la distorsione è più seria, dopo circa una settimana d’immobilità completa, bisogna cominciare a muovere l’arto su e giù delicatamente e fare delle rotazioni del tallone e dei movimenti verso l’esterno e l’interno.
Pian piano si recupera anche la forza, la spinta dei muscoli che riguardano il polpaccio e la capacità di appoggiare nuovamente il piede in terra.
Il fisioterapista  vi aiuterà a recuperare i movimenti con esercizi di stretching leggero, senza gravare troppo con il peso del corpo. La delicata trazione che si esercita va mantenuta per non più di 10 secondi e va ripetuta più volte.
Nei casi di distorsioni molto gravi, anche se rare, si richiede l’intervento chirurgico a seguito della rottura di uno o più legamenti, dopo il quale la fisioterapia domiciliare sarà indispensabile.

In ogni caso, se avete subito una distorsione, è sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia.

Cosa fare dopo una distorsione