Tra la fine dell’800 e gli inizi del 900 tra Buenos Aires e Montevideo prendeva vita una danza ritmata molto diversa da tutte le altre, un ibrido tra candombe, milonga e habanera, accompagnata dal suono di uno strumento diatonico simile alla fisarmonica o all’organetto.
Il modo singolare con cui veniva suonato questo strumento dava il ritmo anche in assenza di strumenti a percussione.
Questa danza raggiungeva un livello estremo di comunicazione tra i corpi della coppia di ballerini e perciò considerata piuttosto sensuale, lasciando affermare a qualcuno che il tango non sia nè maschio nè femmina, proprio in relazione alla fusione delle due silhouette.
Presto raggiunse livelli di popolarità che pochi fenomeni musicali nella storia hanno eguagliato, conquistando le sfere dell’alta borghesia, nonostante le origini umili del tango.
Questo infatti deriva da canti e danze importati in Argentina da emigranti italiani e dagli africani deschiavizzati.

Il tango argentino in Italia

Il boom mondiale si ebbe negli anni 20, ovviamente il fenomeno raggiunse ben presto l’Europa, ma fu solo dopo la 2a guerra mondiale che nacque quella che ancora oggi è ritenuta a Torino la scuola tango argentino più autorevole al mondo.
Questa fu fondata nel 1948 da Glauco Sampaoli con lo scopo di avvicinare la gente ai passi liberatori e disinvolti del tango e in generale dalla danza.
La sede storica è nella centralissima zona Crocetta, all’angolo tra via Gastaldi e Corso V. Emanuele, facilmente raggiungibile con ogni mezzo e con un ampio parcheggio privato, oggi la scuola è condotta e diretta dal figlio di Glauco, Sergio Sampaoli.
Dal 1989 Sergio che è maestro e campione internazionale di danza (qualcuno lo ricorderà per la sua partecipazione a “Ballando con le stelle”), ha evoluto e ingrandito ulteriormente l’offerta della scuola Sampaoli.

La scuola Sampaoli oggi

Attualmente la scuola si rivolge sia ad adulti che vogliano imparare o perfezionarsi che ad allievi in erba, bambini in età preadolescenziale.
Le danze e i balli di coppia che vengono insegnati abbracciano realmente tutte le discipline, si tengono corsi di:
– balli da sala, liscio;
– lindy hop, boogie woogie e rock;
– hip hop;
– caraibica, salsa e bachata, reggaeton, dominicana;
– danza moderna e classica;
– danza orientale e danza del ventre;
– cha cha cha;
– valzer viennese;
– latino americani, kizomba e naturalmente tango argentino.

Appositamente studiati per le varie fasce d’età i corsi sono sia collettivi che individuali,
la durata è in media di 3 mesi ma può differire a seconda della disciplina, alcuni sono stagionali.
La frequenza media è di un giorno a settimana, per ogni percorso è prevista una lezione di prova gratuita, utile soprattutto per utenti che hanno già iniziato un percorso di danza e che necessitano di un livello avanzato sin dal primo giorno.

Scuola di tango argentino Sampaoli